Il mio bilancio delle letture di Settembre 2020

Buongiorno a tutti,

oggi sono qui per condividere con voi un breve bilancio delle mie letture del mese di settembre.

Questo mese ho dato molto spazio alle graphic novel, in quanto avevo individuato alcuni titoli potenzialmente molto interessanti. Inoltre, sono molto felice di aver affrontato due letture su argomenti molto importanti dal punto di vista storico, ossia la Guerra di Corea e la Guerra in Vietnam. Tuttavia, a settembre c’è stata anche una piccola delusione.

Harry Potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling.

Ho riletto il primo libro di Harry Potter nella versione illustrata che mi è stata regalata alcuni anni fa. Reimmergermi tra le pagine di questa bellissima storia, è ogni volta un’esperienza magica.

5 stelline su Goodreads

Il signor Han, un romanzo di Hwang Sok-yong.

Una lettura forte che lascia molto su cui riflettere. Era la prima volta che mi approcciavo a un romanzo sulla Guerra di Corea e sono contenta di aver iniziato a partire da questo libro. Ho capito quanto in realtà conosca poco le drammatiche vicende che hanno scosso la Corea. Perciò, al termine di questa lettura, ho deciso che vorrei continuare a leggere altre storie per capire più a fondo un’importante parte della storia coreana, ma anche mondiale.

Ci troviamo durante la Guerra di Corea. Il dottor Han vive nel nord della Corea con la sua famiglia quando iniziano gli scontri. Tuttavia, ben presto, viene accusato di scarsa partecipazione dal regime comunista perciò è costretto a fuggire al sud. Nemmeno al sud però ha vita facile e le persone lo guardano con sospetto. Si ritroverà quindi ad essere accusato di spionaggio e costretto nuovamente a fuggire.

Il dottor Han è visto come debole dai suoi famigliari e dalle persone che incontra, ma invece è una persona estremamente umana e forte in quanto riesce a mantenere la sua integrità in un Paese spaccato in due e travolto dalla guerra.

L’autore, Hwang Sok-yong, ha vissuto in prima persona la Guerra di Corea, l’accusa di spionaggio e l’incarcerazione. È considerato uno dei massimi scrittori coreani di tutti i tempi.

3 stelline su Goodreads

Allen Meyer, una graphic novel di Paolo Castaldi.

Una piccola delusione.

Avevo preso questa graphic novel incuriosita dalla sinossi che prometteva un racconto apocalittico in una Milano di metà Ottocento. Tuttavia, ho trovato la storia un po’ debole. In particolare, per quanto riguarda il finale che, secondo me, è stato un po’ affrettato e confuso.

Inoltre, non ho capito il motivo per cui all’interno della storia, tra un capitolo e quello successivo, siano state inserite delle tavole che raccontano la vita dell’autore. Principalmente perché queste erano talmente poche e frammentate che ho dovuto soffermarmi a lungo e rileggere per capire cosa stesse accadendo.

Tuttavia, ho apprezzato moltissimo i disegni!

2 stelline su Goodreads

Quando tutto diventò blu, una graphic novel di Alessandro Baronciani.

Una lettura interessante, ma molto breve.

Attraverso le tavole osserviamo l’inizio e l’evolversi degli attacchi di panico nella protagonista con le relative conseguenze sul piano sociale e lavorativo. È stata una lettura diversa rispetto ad altre letture su questo tema che ho fatto in passato, in quanto non ho percepito questa graphic novel come propriamente un racconto della vita della protagonista, ma più un’analisi dei sintomi e delle caratteristiche.

Alessandro Baronciani è stato molto bravo a trasmettere lo stato d’animo della protagonista. Infatti, mi è piaciuta molto l’dea dell’autore di colorare di blu le tavole così da permettere al lettore di sentirsi come la protagonista, ossia immerso nell’oscurità profonda del mare. 

Tuttavia, peccato che sia stata una lettura molto breve, soprattutto perché c’era molto potenziale per scendere e scavare più a fondo sull’argomento.

3 stelline su Goodreads

Il nostro meglio, una graphic novel di Thi Bui.

L’autrice, Thi Bui, parla della sua storia e di quella della sua famiglia. Racconta della vita in Vietnam dei suoi nonni, della fuga dalla guerra dei suoi genitori, della ricerca di rifugio e di una nuova vita negli Stati Uniti. Un racconto molto interessante e doloroso che porta alla luce vicende tremende.

Sono rimasta colpita anche dalla riflessione finale dell’autrice riguardo il ruolo di madre e il ruolo di figlia, ma soprattutto della risposta che si dà alla domanda: quanto della nostra individualità è nostro e quanto è eredità della nostra famiglia?

3 stelline su Goodreads

E voi cosa avete letto a settembre? Siete stati soddisfatti delle vostre letture oppure avete incontrato anche qualche delusione? Qual è il libro o fumetto che vi ha colpito di più questo mese?

Grazie per avermi letto anche oggi, a presto

Mimi

_______________________________________

Twitter: @BookCoffeeSite

Instagram: mimi_book_coffee

Puoi scrivermi a: bookcoffeesite8@gmail.com

9 pensieri su “Il mio bilancio delle letture di Settembre 2020

  1. A settembre ho cominciato a leggere (per la seconda volta) Unseen Academicals di Terry Pratchett perché l’avevo letto prima di cominciare la saga del Discworld in ordine cronologico e ora, essendo arrivato quasi alla fine, era il suo turno! Mi manca poco per finirlo, ma purtroppo ultimamente il tempo per leggere è poco…

    Il primo Harry l’ho letto anche io un paio di volte (almeno), davvero piacevole come lettura!

    "Mi piace"

      1. Per Pratchett, ti consiglio la sua serie del Discworld: il primo romanzo è “Il colore della magia” (“the colour of magic”). Questa è una delle migliori saghe fantasy e non è “solo” parodia, ma un vero universo molto coerente. Ti consiglio il blog “Bibliotefantasy” che parla spesso dell’opera di Pratchett.

        Piace a 1 persona

      2. Sono splendidi! L’ordine cronologico non è essenziale, anche se i primi due libri sono pensati un po’ come presentazione del mondo.
        Però personalmente io ti consiglierei di partire o da Equal Rites, il terzo, o dal primo della Watch (Guarda! Guards!), o dal primo delle streghe (Wyrd Sisters)! :–)

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...