La ragazza del convenience store – Sayaka Murata | Recensione

Buongiorno a tutti,
oggi sono qui per parlarvi di La ragazza del convenience store, un libro scritto da Murata Sayaka e pubblicato in Italia da Edizioni E/O in agosto 2018.

 

La ragazza del convenience store - Murata Sakaya
Titolo: La ragazza del convenience store Autore: Murata Sakaya Link Amazon: https://amzn.to/2WCW224

Di cosa parla?

Furukura Keiko è una donna trentaseienne single che lavora da ben 18 anni in un konbini (un convenience store giapponese aperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7) con un contratto part-time. I genitori, gli amici e i colleghi sono preoccupati per lei e sperano che presto possa trovare un impiego più prestigioso e un uomo con cui sposarsi e avere dei figli. Keiko non sembra condividere le loro preoccupazioni, ma si ritiene felice e soddisfatta della sua attuale vita. Un giorno allo staff del konbini si aggiunge Shihara, un uomo trentacinquenne che sostiene fermamente che il mondo si è fermato all’epoca preistorica.

Cosa ne penso?

Se leggendo la trama avete la sensazione che sia un libro leggero e con una probabile storia d’amore, non fatevi ingannare: si tratta dell’esatto opposto. Io ho iniziato la lettura di La ragazza del convenience store senza particolari aspettative, ma sono stata sorpresa. Durante la lettura ho scritto intere pagine di appunti e riflessioni. La ragazza del convenience store è un libro che parla della società di oggi per portarne alla luce alcuni problemi.

Keiko è una donna single che lavora in un convenience store con un contratto part-time. Non ha nessun desiderio di cercare marito e si sente soddisfatta del proprio lavoro. Impiega tutta la sua passione nel suo ruolo da commessa e ricerca sempre nuovi spunti e idee da suggerire al direttore. Ogni giorno controlla il meteo per capire quali saranno gli articoli più venduti quel giorno: se sarà una giornata calda sicuramente ci sarà una grande richiesta di bibite fresche, mentre se la giornata sarà fredda allora sarà necessario avere a disposizione molti cibi caldi. Riordina gli scaffali con una grande precisione e si assicura che non finiscano mai le scorte dei prodotti esposti.
I suoi amici, i famigliari e i suoi stessi colleghi sono preoccupati per lei: lavorare in un convenience store part-time è un impiego che si addice a studenti e mamme lavoratrici, non di certo ad una donna di trentasei anni single. Keiko si sente continuamente giudicata per il suo lavoro e riesce a leggere i sentimenti di preoccupazione e delusione negli occhi delle persone che le stanno vicino. Nonostante ciò, Keiko non capisce il motivo di quell’atteggiamento: lei sta bene ed è felice, perché mai dovrebbe trovare un nuovo lavoro e un marito?

Un giorno al convenience store in cui lavora Keiko inizia a lavorare anche Shihara, un uomo di trentacinque anni. Tutti lo prendono per pazzo a causa delle sue idee e ben presto perde il lavoro. Keiko, però, rimane colpita dalle sue parole. Infatti Shihara sostiene che il mondo si è fermato all’epoca preistorica: il cacciatore più bello e più abile otterrà la donna più bella e chi invece non è in grado di cacciare verrà escluso. Per Shihara è fondamentale cercare una moglie così potrà finalmente far parte della società, mentre ora ne è escluso essendo single.

La ragazza del convenience store non è un romanzo semplice per le tematiche che tratta: l’omologazione, il sentirsi diversi, l’esclusione, la continua pressione causata dagli standard sociali.
Keiko viene spesso definita dai suoi famigliari come “malata” a causa del suo atteggiamento anticonformista. Inoltre, a causa di questo comportamento viene esclusa dai gruppi di amici durante gli anni della scuola. Keiko vorrebbe “guarire”, ma non capisce cosa c’è che non va in lei. Crescendo decide di tentare di omologarsi, perciò inizia a prendere ispirazione dalle persone che incontra e prova a imitare certi modi di vestire, di comportarsi e di parlare.

In questo piccolo mondo che si regge sulla normalità gli elementi estranei devono essere eliminati, uno dopo l’altro, in silenzio. Le presenze anomale vanno scartate. Ecco perché devo guarire. Altrimenti sarò allontanata dalla grande tribù delle persone “normali”.

L’autrice ritrae una società dove vi è una continua gara per ottenere il lavoro migliore che dia il maggior prestigio e retribuzione. Anche la famiglia è uno dei principali terreni di competizione: tutti sembrano alla ricerca della famiglia perfetta. Non solo, ma si ha persino la sensazione che coloro non riescano a calarsi nello standard unico debbano delle spiegazioni e delle giustificazioni agli altri membri della società. Tuttavia, il romanzo non si limita a descrivere, ma vuole denunciare con forza questa cosiddetta “normalità”; facendo emergere come chi non è in grado di sostenere questi standard, venga automaticamente emarginato e lasciato a sé stesso. Solo quando l’elemento di disturbo è stato eliminato e senza problemi rimpiazzato con un altro elemento, allora le persone potranno tornare alle loro attività. La sostituzione di quella persona avviene così rapidamente che sembra nulla sia cambiato.
Tuttavia, dobbiamo ricordare che

Quando il fisico non ce la fa più a reggere la mole di lavoro si finisce per diventare “difettosi” e “inaffidabili”. A quel punto la serietà e la voglia di fare non bastano. Anch’io con il passare degli anni mi ridurrò a un ingranaggio inutile, del tutto inadatto a questo konbini.

E voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

Grazie per avermi letto anche oggi, a presto

Mimi

_______________________________________

Sono affiliata Amazon. Vi lascio qui il link in caso vogliate acquistare il libro: https://amzn.to/2WCW224 Vi ringrazio per il prezioso sostegno che date al blog!

Annunci

8 pensieri su “La ragazza del convenience store – Sayaka Murata | Recensione

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...