Quaderni giapponesi. Un viaggio nell’impero dei segni – Igort

Buongiorno a tutti,

oggi sono qui per parlarvi di “Quaderni giapponesi. Un viaggio nell’impero dei segni”, una graphic novel di Igort pubblicata da Coconino Press nel 2015.

Trama:

27250757
Link ad Amazon: https://amzn.to/2mx1DXL

“<Il Giappone era diventato per me lo scrigno dei desideri e soprattutto il paradiso dei disegnatori.> Inebriato dalle vecchie stampe giapponesi, mi ero addentrato in quel mondo di segni apparentemente semplici che celavano una sapienza misteriosa. Avevo convinto me stesso e i miei editor della Kodansha che nella mia vita precedente ero stato giapponese. Loro,cerimoniosi, mi avevano accolto con un inchino: ‘Noi giapponesi siamo lieti di lavorare con Lei, che a sua volta, nella vita precedente, è stato giapponese’. Adoravo quelle persone, ironiche e lievi, ma dedite al lavoro con un rigore che non avevo mai visto prima. In quel soggiorno il mal di Giappone prese ad avvolgermi, sotto la sembianza di una dolce malinconia. Mi rattristava la bellezza antica di questa o quella casa di legno e carta di riso, che scorgevo di tanto in tanto nel mio quartiere. Evocava un passato perduto”.

Cosa ne penso?

Igort è un fumettista ed editore italiano nato a Bologna nel 1958. Sul finire degli anni ’80 ha collaborato con molte riviste italiane e negli anni ’90 ha iniziato a lavorare per la casa editrice giapponese Kodansha, i cui uffici hanno sede a Bunkyo (Tokyo).

“Questo libro racconta l’inseguimento di un sogno, e la resa davanti all’evidenza che i sogni non li si può afferrare.”

In Quaderni giapponesi, Igort ci porta con lui in viaggio: si inizia in Italia dalla telefonata ricevuta  per lavorare alla Kondansha al suo trasferimento a Tokyo. Da una parte questi sono per lui anni di meravigliose scoperte sulla cultura giapponese, ricerche sulla propria identità e momenti di meditazione. Inoltre ha la possibilità di fare incontri fortuiti come con Miyazaki, Taniguchi, Tanaka, etc. Dall’altra parte sono anche anni difficili a causa delle differenze sul metodo di lavoro e le esigenti richieste della casa editrice giapponese.

Nonostante ciò, Quaderni giapponesi  non è solo un racconto di un viaggio, bensì è anche un diario. Infatti nel corso della narrazione Igort non ci narra soltanto della sua vita, ma ci spiega come certi tratti della cultura giapponese ha influenzato il suo modo di vivere e la sua estetica. Inoltre troviamo molti riferimenti a libri, fumetti e film che hanno inciso sulla sua Arte.

“Lontanissimo da casa, ma in un’altra isola, cercavo il senso del mio esistere.”

È viaggio-diario che racconta a tutto tondo la cultura, la filosofia, il senso della bellezza e gli stili di vita del Sol Levante. Igort è un viaggiatore curioso e partecipe che riporta le sue esperienze con un taglio personale e autobiografico.

Il Giappone viene spesso definito “il Paese delle contraddizioni” poiché racchiude in sé molti aspetti che a prima vista risultano opposti tra loro. Ad esempio racchiude la filosofia zen, il sumo, l’iki, le discriminazioni, la violenza della Yakuza, la triste storia di Abe Saba. Spesso anche gli autori giapponesi lasciano emergere nella loro vita e nelle loro opere la propria divisione interiore. E’ il caso ad esempio di Mishima: “un uomo preso dalla carne. Che si appellava ai valori tradizionali giapponesi e però mangiava con posate occidentali invece delle proverbiali bacchette, che abitava in una casa liberty, a più piani, avendo destinato la casa di tatami ai suoi genitori. Che si riferiva ai codici del bushido, il codice d’onore del Samurai, ma si rifiutava di prestare omaggio all’Imperatore, reo di aver capitolato.”

Lo consiglio a chiunque sia curioso, ami il Giappone, i viaggi e i sogni.

Vi segnalo che nel 2017 è uscito il secondo volume “Quaderni giapponesi 2” (link: https://amzn.to/2uQhG6R ).  Non vedo l’ora di leggere il secondo volume di questo meraviglioso viaggio.

E voi lo avete letto? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

Grazie per avermi letto anche oggi, a presto

Mimi

_______________________________________

Sono affiliata Amazon. Vi lascio qui il link in caso vogliate acquistare il libro: https://amzn.to/2mx1DXL Vi ringrazio per il prezioso sostegno che date al blog!

Annunci

4 pensieri su “Quaderni giapponesi. Un viaggio nell’impero dei segni – Igort

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...