Appuntamento in poesia #1

Buongiorno a tutti,

in questi ultimi anni accendendo la televisione siamo travolti da informazioni e avvenimenti che sconvolgono in modo impercettibile ma costante il mondo in cui viviamo. Altri avvenimenti invece sembrano investirci e travolgerci. A volte mi sento spaesata da una società che cambia così velocemente da faticare a tenerne il passo. Penso che il cambiamento sia positivo, ma a volte ascoltando certe notizie non ne sono così certa.

Qualche giorno fa ho trovato quasi per caso questa poesia di Léopold Sedar Senghor, un poeta e politico senegalese. Oltre ad essere stato Presidente della Repubblica del Senegal dal 1960 al 1980, è stato anche membro della Académie française. Grazie ai suoi contributi in ambito culturale, è considerato uno degli intellettuali africani più influenti del XX secolo.

La poesia che vi vorrei riportare oggi si intitola “Poème à mon frére blanc” (Poesia al mio fratello bianco) e tratta del tema del razzismo, argomento ormai in cima a tutte le testate dei quotidiani. Senghor affronta la questione in modo delicato, senza essere polemico. Riesce a dipingere un mondo moderno dove l’uomo bianco è al centro e si contrappone all’uomo di “colore”, facendo emergere attraverso i suoi versi l’infondatezza e l’inutilità di simili etichette ma senza imporre il suo giudizio. E’ solo il lettore a poter rispondere.

Cher frère blanc,
Quand je suis né, j’étais noir,
Quand j’ai grandi, j’étais noir,
Quand je suis au soleil, je suis noir,
Quand je suis malade, je suis noir,
Quand je mourrai, je serai noir.

Tandis que toi, homme blanc,
Quand tu es né, tu étais rose,
Quand tu as grandi, tu étais blanc,
Quand tu vas au soleil, tu es rouge,
Quand tu as froid, tu es bleu,
Quand tu as peur, tu es vert,
Quand tu es malade, tu es jaune,
Quand tu mourras, tu seras gris.

Alors, de nous deux,
Qui est l’homme de couleur ?

 

Caro fratello bianco,

Quando io sono nato, io ero nero,

quando io sono cresciuto, io ero nero,

quando io sono al sole, io sono nero,

quando io sono malato, io sono nero,

quando morirò, io  sarò nero.

 

mentre tu, uomo bianco,

quando sei nato, tu eri rosa,

quando tu sei cresciuto, tu eri bianco,

quanto tu vai al sole, tu sei rosso,

quando hai freddo, tu sei blu,

quando hai paura, tu sei verde,

quando sei malato, tu sei giallo,

quando morirai, tu sarai grigio.

 Allora, di noi due,

chi è l’uomo di colore?

 

 

 

Mimi

Annunci

2 pensieri su “Appuntamento in poesia #1

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...