L’amica geniale – Elena Ferrante

Buongiorno a tutti,

oggi sono qui per parlarvi di L’amica geniale di Elena Ferrante. Il romanzo è stato pubblicato nel 2011 ed è il primo di una serie di tre libri.

Trama:

35036409-_sy180_Il romanzo si apre con una telefonata da parte di un uomo preoccupato per la sparizione della propria madre che se ne è andata cancellando qualsiasi cosa che provasse la propria esistenza. A ricevere la telefonata è Elena, amica d’infanzia della madre, che decide di trascrivere i propri ricordi della loro gioventù prima che svaniscano. Ecco che nel primo libro seguiamo l’infanzia e l’adolescenza di Lenu (Elena) e Lila, due ragazze, cresciute in un rione poverissimo di Napoli.

 

 

Cosa ne penso?

“Non ho nostalgia della nostra infanzia, è piena di violenza. Ci succedeva di tutto, in casa e fuori, ma non ricordo di aver mai pensato che la vita che c’era capitata fosse particolarmente brutta. La vita era così e basta, crescevamo con l’obbligo di renderla difficile agli altri prima che gli altri la rendessero difficile a noi.”

Lila e Lenù (Elena) sono le protagoniste di una storia al femminile in cui al centro c’è la loro amicizia. Sono due amiche inseparabili cresciute insieme ma che sembrano essere gli opposti l’una dell’altra. Lila è l’amica ribelle che si rivela geniale, mentre Lenù è l’amica tranquilla e diligente ma che non riesce a spiccare quanto Lila. È una storia di amicizia e di competizione femminile, ma anche di sostegno reciproco. È un rapporto complesso in cui c’è fin da subito un’alternanza di amore ed odio che le porta a crescere. Elena Ferrante descrive un rapporto di amicizia autentico e reale.

Avevo sentito molti opinioni a riguardo di questo romanzo e non sapevo cosa aspettarmi, ma la lettura mi ha sorpreso molto. La storia mi ha catturato e ho seguito con molta curiosità le vicende delle due amiche. Anche la scrittura dell’autrice ha contribuito a rendermi trepidante nello sfogliare le pagine.

Il particolare che ho apprezzato di più del romanzo è la descrizione della Napoli ad inizio anni Cinquanta, vicina al boom economico. Elena Ferrante è riuscita sapientemente a ricostruire l’ambientazione e il contesto storico facendolo emergere dagli occhi, e dal punto di vista, di due ragazzine e da piccoli particolari nel racconto. Le descrizioni quindi non appesantiscono il racconto, ma riescono ad emergere in modo naturale.

 

Piccola curiosità:

Questa estate sono iniziate le riprese per trasformare L’amica geniale di Elena Ferrante in una serie tv, seguita dalla regia di Saverio Costanzo. La serie tv sarà divisa in otto episodi.

 

 

Anche voi l’avete letto? Cosa ne pensate?  Fatemi sapere!

Grazie per avermi letto anche oggi, a presto

Mimi

Annunci

2 pensieri su “L’amica geniale – Elena Ferrante

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...